Free People Association - Association Libre Le Peuple - Libre Asociación el Pueblo

Libera Associazione il Popolo > Gallerie di Immagini > Foto 2004

foto del giorno, notizie, immagini, fotografie, fotos, photos of the day, images, pics of the week, pictures, news, noticias pictures pics photos images picture pic photo image fotos foto immagini imagenes world world, mondo, mundo, monde, foto, notizie, immagini, fotografie, fotos, photos, images, pics of the week, pictures, news, noticias, Adventures, Explorations, Wallpapers Image Galleries: a beautiful collection divided into galleries on different subjects People and Cultures: art, life, history and literature Picture Stories: the best photos from all over the world. Analysis for Everybody: the most significant news to know the world better Gallerie di Immagini: una bellissima raccolta suddivisa in gallerie a tema Popoli e Culture: arte, vita, storia e letteratura Foto Reportages: i migliori servizi fotografici da tutto il mondo Approfondimenti Per Tutti: le notizie e le informazioni più significative per conoscere meglio la realtà in cui viviamo.

FOTO DELLA SETTIMANA 2004

Dall'archivio Foto del Giorno del Corriere della Sera


January 01 - December 31, 2004

.........Avanti e indietro, su e giù, ecco la...

....


Saturday, November 27, 2004

Todas estas muertas son nuestras hijas

UNA CROCE PER LE DONNE «Tutte le donne ammazzate sono nostre figlie», c'è scritto sotto questa croce a Città del Messico. Ogni chiodo rappresenta una donna uccisa a Ciudad Juarez. Nella città a ridosso del confine con gli Stati Uniti negli ultimi anni sono state trucidate centinaia di donne. Alcuni delitti hanno sfondo sessuale, altri sono legati alla mafia che trasferisce i clandestini oltre il confine, altri ancora sono dovuti all'indipendenza economica e sociale che hanno ottenuto le donne messicane che lavorano nelle «maquilladoras», le fabbriche americane che sfruttano la manodopera a basso costo oltre il confine messicano, e che minano alla base il potere del «macho» messicano, altri ancora sono dovuti al sottobosco del lavoro nero e senza alcun tipo di protezione sindacale. In tutti i casi, nessuno è mai stato condannato per questi delitti (Héctor López/Epa)


Friday, November 26, 2004

Un passeggero a bordo di un bus decorato

BUS COLORATO Un passeggero a bordo di un bus decorato per le vie di Hong Kong (Afp)


55.000 mani per la riconciliazione

LE MANI DELLA RICONCILIAZIONE Megan Maya, due anni, aborigena australiana, esplora «Il mare di mani» un'installazione costituita da 55.000 mani di plastica costruita a Sydney per celebrare la riconciliazione tra bianchi ed Aborigeni in Australia (Torsten Blackwood/Afp)


Riapre la galleria Apollo del Louvre

PARIGI Dopo un lavoro di restauro durato tre anni, riapre al pubblico la galleria Apollo del Louvre, creata per glorificare re Luigi XIV, circa 350 anni fa (Afp / Joel Robine)


Ombre di soldati americani a Ramadi

OMBRE IN IRAQ Ombre di soldati americani su un muro di una casa della citta di Ramadi (Afp)


Thursday, November 25, 2004

Spiagge e coste in Sardegna per il momento salve

IL TAR DICE SI' AL DECRETO PER SALVARE LE COSTE DELLA SARDEGNA Una foto d'archivio del 13 maggio scorso di una spiaggia del Golfo di Orosei. Oggi i giudici del Tar della Sardegna hanno respinto la richiesta di sospensiva, presentata da tre comuni e una società, del decreto salvacoste col quale il 10 agosto scorso la nuova Giunta regionale, presieduta da Renato Soru, aveva elevato a due chilometri il limite per nuovi insediamenti (Ansa)


Impronte sulla spiaggia a Bronte Beach

IMPRONTE Orme su Bronte Beach, una delle spiagge di Sydney (Tim Timborne/Reuters)


Wednesday, November 24, 2004

Sol LeWitt, Haus Konstruktiv di Zurigo

ARTE A PARETE Un visitatore della Haus Konstruktiv di Zurigo, in Svizzera, davanti a un'opera dell'americano Sol LeWitt, considerato il fondatore dell'arte concettuale. Si tratta di uno dei suoi famosi Wall Drawings: grandi disegni su parete che l'artista si limita a progettare, affidando l'esecuzione agli assistenti. In linea con la sua idea che il concetto dell'opera diventa sempre più importante del prodotto in sé, l'esecuzione perde centralità mentre assume importanza la fase progettuale (Ansa)


Le cascate di Tat Kuang Si nel Laos

CASCATE LAOTIANE Due turisti si rinfrescano sotto le cascate di Tat Kuang Si, nel Laos (Barbara Walton/Epa)


Monte della Tentazione nei pressi del Mar Morto

CIELO TEMPESTOSO Nuvole nere al tramonto sopra una striscia di altre nuvole chiare, nella zona del Monte della Tentazione nei pressi del Mar Morto (Afp)


Tuesday, November 23, 2004

Un convoglio del World Food Programme nel deserto libico

PARCHEGGIO UMANITARIO Un convoglio delle Nazioni Unite del World Food Programme (WFP) sosta nel deserto libico. Quasi 200mila rifugiati sudanesi aspettano gli aiuti, cibo e acqua, dell'Onu (Ap)


Kerry McLean al Motor show di Essen

GIRA LA RUOTA L'americano Kerry McLean porta a spasso, durante il Motor show di Essen (Germania), la sua Mono-ruota. McLean detiene il record di velocità nella categoria delle mono-ruote: 86.5 km/h (Ansa)


Monday, November 22, 2004

Convenzione Onu sui Diritti dell'Infanzia

DIRITTI DELL'INFANZIA Domenica a Roma si è svolta la giornata per i diritti dell'infanzia promossa dal Comune, affinché venga universalmente riconosciuto «il diritto del fanciullo di essere protetto contro lo sfruttamento economico e di non essere costretto ad alcun lavoro che comporti rischi o sia suscettibile di porre a repentaglio la sua educazione o di nuocere alla sua salute o al suo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale o sociale" secondo l'art 32 della Convenzione Onu sui Diritti dell'Infanzia» (Eidon)


Sunday, November 21, 2004

Colorado, ecosistema e Grand Canyon in Arizona

L'UOMO RIMETTE L'ACQUA NEL GRAN CANYON Dopo averne levata il 90% con la costruzione della grande diga del Gran Canyon nel 1963, l'America è corsa ai ripari ed ha deciso di reimmettere l'acqua nel Colorado, il fiume che da milioni di anni scava quella meraviglia della natura che è il Grand Canyon in Arizona (foto Ap). Il motivo è quello di ristabilire l'ecosistema che da sempre ha mantenuto la flora e la fauna di questa parte d'America ora seriamente in pericolo. Un'alluvione guidata dall'uomo dunque nel canyon più celebre del mondo. L'acqua alta cercherà di far fronte ai pericoli di estinzione che corrono le spiagge del Grand Canyon e la fauna che ci vive, a causa della riduzione artificiale della portata del fiume Colorado. Un team di 50 scienziati ha deciso di ricorrere a una soluzione drastica per affrontare i problemi del monumento della natura. Dal fine settimana è in corso l'inondazione del canyon attraverso quattro getti d'acqua mastodontici aperti alla base della diga di Glen Canyon, la stessa che provoca il rallentamento del fiume. Gli esperti sperano che cinque giorni di questa terapia d'urto portino verso valle un milione di tonnellate di sabbia e limo, riversate l'autunno scorso nella gola in seguito all'erosione di una parete rocciosa.Il livello d'acqua del Grand Canyon si alzerà di 4,5 metri entro giovedì, il giorno della festa del Ringraziamento negli Usa. Il flusso d'acqua del fiume Colorado, che scorre sul fondo della gola, è stato ridotto del 90% dal 1963, data in cui è stata completata la diga che ha dato origine al lago Powell, vitale fonte di acqua ed energia idroelettrica per il West della nazione. Ma se l'uomo ha beneficiato di questa situazione, pesci, uccelli e lumache hanno visto scomparire il 30% delle spiagge e il 50% dei banchi di sabbia, loro habitat naturale. Il progetto, costato alle finanze pubbliche 3,5 milioni di dollari, era già stato provato nel 1996, ma non aveva avuto il successo sperato. Un tentativo bis era d'obbligo, perchè la salute del Grand Canyon National Park è tutelata dalla legge federale. Per aiutare il delicato ecosistema del canyon a ristabilirsi, si sta prendendo in considerazione anche di limitare l'accesso dei turisti alle rive del fiume.


Beatles, Please Please me: completini indimenticabili

BEATLES ALL'ASTA Gli storici completi indossati dai Beatles sulla copertina del loro primo album «Please Please me» nel 1963 andranno all'asta. Dalla vendita, che si terrà il 21 e 22 novembre presso la casa d'aste americana Bonham and Butterfields, si attende un incasso tra gli 80 e i 120 mila euro (Reuters)


.........Pubblicamente chi non pubblica non pubblicizza la...

....